Laboratori per la scuola primaria

MediaMente – Le categorie dei Media

Educare ai media significa attivare percorsi che si intersecano con l’attività didattica, come da tempo si fa inserendo documentari e film tra le metodologie già sperimentate. Ciò deve però seguire una linea esperta delle nuove ‘categorie’ dei media, vale a dire di quei modi cognitivi e culturali diffusi dal mondo convergente dei media nel senso comune. Solo così si può agire in modo non spontaneo, seguendo una metodologia che grazie alla rete con la ricerca universitaria si aggiorna di continuo in questo mondo così veloce e raccoglie gli esiti più significativi delle neuroscienze e delle scienze relazionali in genere.

Inoltre, significa avere presenti le metodologie dettagliate che consentono di scegliere strade asfaltate invece dei sentieri: perché ogni docente costruisca poi il proprio sentiero, riappropriandosi poeticamente della bellezza del paesaggio. Quando questo sentiero è completo, può essere inserito nelle piccole enciclopedie che questa didattica in progress riunisce. E’ il caso degli esempi di didattica in figura e dei giochi didattici

Arte di Ragionare – Focus group in classe – Discutere ed argomentare in modo veloce.

Coltivare la mente è meditare con arte: ragionando, percependo, creando… tutte attività metodiche, che vanno programmate in step successivi per lasciare ad ogni fase il suo senso.

Visual Thinking – Laboratori d’arte per recuperare il silenzio del fare

Il visual thinking è il complemento del  conoscere da sempre, anche se la logica se ne occupa poco. Oggi che i testi in figura sono composti con grammatiche e sintassi da uomini potenti, è necessario che a scuola si insegni a leggere i testi discontinui. Ogni giorno leggiamo figure e parole insieme, poi a scuola alfabetizziamo solo alle parole.

RiciclArte – Riciclare del materiale comporta un’operazione in più, rispetto al recuperare il materiale e cioè c’è una rielaborazione in senso creativo del materiale stesso, striscioline di carta sapientemente utilizzate possono dar vita alla creazione di recipienti veri e propri, bottiglie di plastica opportunamente trattate possono essere trasformate in fiori, in alberi, in abiti da sposa, in navi.

InLusio – Il gioco come formazione estetica

La stessa radice della parola illusione è quella del gioco: vuol dire, come si accenna nel titolo, appunto stare – nel – gioco.