Categorie
Secondarie I grado

I.C. Savio-Alfieri modulo SECONDIGLIANO IN 3D

10.2.5A-FSEPONCA-2018-146 – scuola NAIC827001 – NA – I.C. SAVIO – 4427 del 02/05/2017 – FSE – Potenziamento dell’educazione al patrimonio culturale, artistico, paesaggistico TERRA MIA

Modulo: “SECONDIGLIANO IN 3D”

relazione conclusiva SECONDIGLIANO IN 3D

(gli allegati possono essere scaricati previa registrazione)

Categorie
Secondarie I grado

I.C. Savio-Alfieri modulo NEAPOLITAN SOCIAL ARTWORKING

10.2.5A-FSEPONCA-2018-146 – scuola NAIC827001 – NA – I.C. SAVIO – 4427 del 02/05/2017 – FSE – Potenziamento dell’educazione al patrimonio culturale, artistico, paesaggistico TERRA MIA

Modulo: “NEAPOLITAN SOCIAL ARTWORKING”

relazione finale NEAPOLITAN SOCIAL ARTWORKING

“ADOTTIAMO LA VILLA ALFIERO”
REALIZZATO DA: Culture club
Alessia Falcone, Rebecca Cicala, Susy Mastellone, Carmen Pinzani, Sara Santoro, Tonia Briante, Rosanna Russo, Noemi Orefice.

Villa Alfiero si trova in via Corso Secondigliano n. 202 e prende il nome dell’omonima famiglia che la acquistò nel 1905 dalla famiglia Capasso, primi proprietari dello stabile.
Grazie all’ingegno degli Alfiero, la villa non venne sequestrata durante la II guerra mondiale e gli uomini della famiglia non furono deportati dai tedeschi: il capofamiglia Angelo Alfiero (dichiarato erroneamente Alfieri all’anagrafe) si finse prete e fece credere che la villa fosse un convento e i piccoli della famiglia…

Generazione Villa Alfiero. Si potrebbe chiamare così quel folto gruppo di ragazzi che, tra gli anni ’50 e ’60, sono cresciuti a ridosso dello storico edificio al civico 202…

“ADOTTIAMO LA VILLA ALFIERO”

REALIZZATO DA: Emmanuel Martone, Luigi Mungiguerra, Luigi Palmieri, Giuseppe Carta, Vincenzo Pio Ceruti, Luigi Scognamiglio, Gianluca Ursini.

La Storia del nostro quartiere

La storia di Secondigliano ripercorre la crescita del suo Corso, quel lungo rettilineo che dalle Colonne di Capodichino fin dal XVI secolo era sancito nell’atto vicereale del casale. La sua origine è addirittura di età…

Villa Alfiero

La villa è stata costruita nel 1909. E’ in stile vittoriano. L’epoca vittoriana coincise con la reggenza della regina Vittoria d’Inghilterra (1837-1901), fu un’epoca…

Esterno villa Alfiero
La villa Alfiero e’ stata costruita nel 1909. La villa cambiò il proprietario perché la famiglia Capasso l’aveva venduta. Nella seconda guerra mondiale il proprietario della villa fece finta di essere un prete mentre tutti i nipoti e i figli finsero di essere degli orfanelli per evitare che la villa fosse requisita dai…

“ADOTTIAMO LA VILLA ALFIERO”

REALIZZATO DA: Dattilo Giovanni, Daniele Troise, Salvatore Esposito, Vincenzo Amato, Silvio De Simone, Gallotti Antonio.

LA STORIA
Nel giardino vi è una pietra che rappresenta il primo scudetto del Napoli. Questa pietra era in realtà un lucernario che era caduto…

(gli allegati possono essere scaricati previa registrazione)

Categorie
Ecfrastica Moduli PON Secondarie I grado

Educare ai media con i media – Prodotto finale

Nell’ambito del FSE POR Campania 2014-2020 Scuola Viva  “Piazza Mercato: Moricino in Campo” – II Annualità l’ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE “CAMPO DEL MORICINO” ci ha invitato a attuare presso il plesso Ada Negri il modulo formativo 3 Educare ai media con i media in una classe mista di alunni di scuola secondaria inferiore.

FINALITÀ/OBIETTIVI CONSEGUITI

Gli alunni sanno ora che la ricerca delle immagini, il loro studio particolareggiato riguardo agli elementi presenti al loro interno, e i possibili significati o metafore nascoste, è pari a una ricerca testuale.
E’ stata anche capita la stratificazione storica di un territorio; specialmente di quello in cui si vive e che, se ha richiamo turistico, deve essere preservato ancor di più.

DESCRIZIONE SINTETICA dei CONTENUTI – PRODOTTO FINALE- DOCUMENTAZIONE

Sudio di loghi e simboli. Studio di cartografie. Rassegna di immagini artistiche (quadri) alla ricerca di significati, dei paesaggi retrostanti il soggetto principale, e dell’inquadramento storico. Ricerca testuale riguardo i monumenti del territorio. Ricerca iconografica (quadri e foto) sul monumento prescelto da ogni gruppo in cui è stata divisa la classe. Realizzazione direttamente in rete di una raccolta strutturata delle fonti reperite; una per ogni gruppo e fruibile già durante il work in progress. Tour fotografico dei monumenti sul territorio. Integrazione delle foto fatte nell’uscita col materiale già composto. Unione in un prodotto finale che rispetti le divisioni in gruppi di alunni e le unisca tramite un menu. Il prodotto è visibile in rete all’indirizzo Da Castello del Carmine a Borgo Orefici

Caratteristiche sperimentali e innovative delle attività

Produrre un testo ipermediale direttamente sulla rete e disponibile alla visione durante il work in progress.

Punti di forza del progetto e ricaduta curriculare

Portare a vedere l’immagine oltre il primo sguardo soffermandosi sui particolari, cercandone significato e storia. Trovare gli elementi storici nel proprio territorio, ricostruendone genesi ed evoluzione.