Categorie
Formazione estetica

Laboratorio di Higgs

In cosa consiste la formazione estetica? Nel costruire un sapere significativo, cioè ricco di un senso unitario e di una chiara finalità che gli dia il valore autonomo e riconosciuto. Ciò si costruisce a partire dai saperi stabili della tradizione, che opportunamente confrontati modificano un po’ la loro sistematicità senza perdere in competenza, acquistando l’elasticità della cultura.

Ci suole l’operazione di decostruzione e deframmentazione consigliata alla scrittura e lettura da Jacques Derrida: solo così l’acquisizione di una memoria diventa la formazione di un sapere personale e costruttivo, di uno stabile equilibrio personale.

La formazione estetica perciò non è il frutto di una sola materia, di una specializzazione; è l’educazione della persona capace di pensare criticamente, e perciò anche di creatività. Tutte le competenze disciplinari sono utili ad una visione olistica, lo spazio ideale è un laboratorio, un ambiente di apprendimento comune.

In esso si costruisce la sinergia di un team di lavoro, ma anche l’equilibrio di ognuno, tra l’interesse singolo e l’approfondimento disciplinare. È la migliore sollecitazione della motivazione e della curiosità l’idea ad esempio di costruire un documentario in comune, per avere un ruolo interessante nel lavoro si sceglie di approfondire per non dire cose superficiali.

Estetica è la conoscenza del pittore, che scientificamente conosce i suoi oggetti e metodi, arte, architettura anatomia e scienza dei colori… ma poi anche bellezza e volontà di espressione – questa complessità è dell’arte: la storia dell’arte introduce il discorso, ma la formazione estetica riguarda tutte le materie perché insegna la scienza e l’armonia come problema dell’uomo, da ripetere nella filogenesi come lo è nell’ontogenesi.

L’importanza della formazione estetica per l’educazione dell’uomo in quanto tale è un ritornello che si ripete dalla fine del 1700: ma solo oggi le nuove tecnologie forniscono lo strumento necessario per realizzarla. Qualche notizia di teoria è importante: la fornisce il libro di testo, La didattica della Bellezza in due volumi, disponibile su Amazon anche in formato Kindle. Gli esempi di laboratorio, sperimentati negli anni, vanno dalla scuola dell’infanzia all’Università.

Laboratorio Higgs – stampa 3D

VIDEO Conferenza su stampa 3D

Categorie
Corsi Formazione estetica

Laboratorio Higgs – stampa 3D

OSCOM

CREAMI Dipartimento di Ingegneria industriale

con la collaborazione di AICQ (Associazione Italiana Cultura qualità)

Il corso ha per oggetto la didattica multimediale a scuola come formazione della mente: attraverso le discipline l’unità della cultura diventa l’organismo solido della competenza.

I laboratori Higgs prendono il nome dal Bosone, la particella elementare che ha rimodellato il rapporto tra energia e materia, vincendo il Premio Nobel: la stampante 3D crea da un testo virtuale, visibile e modificabile nello schermo – un oggetto plastico. Ciò darà vita ad una rivoluzione industriale, disse il Presidente Obama.

Le tecniche della stampante 3D costruiscono prodotti finiti artigianali e industriali, esserne al corrente ed averne i primi rudimenti è necessario già nella scuola primaria, ma nella secondaria diventa un’abilità che può far da criterio di scelta nella costruzione delle competenze professionali del terzo millennio.

Il miglior modo per educare al computer non è regalare videogiochi ma insegnare la ricchezza e il metodo della navigazione e della costruzione: Tim Berners Lee raccomanda riflessione e studio

Nel mondo della formazione queste competenze consentono di risolvere il problema della molteplicità delle discipline e dell’unità della cultura, difficili da comporre in organismo per la necessaria specializzazione disciplinare. La didattica oggi dialoga con le neuroscienze, i suoi metodi consentono di intrecciare tecnologie ed insegnamenti. La formazione estetica, che è conoscenza di parole e immagini, quadri e saperi, è il segreto del successo: lo dissero già Schiller, Herbart e Dewey.

Lezioni di stampa 3D

Categorie
Formazione estetica

LABORATORI – L’arte di ragionare

Nato alla caduta della Schola Armaturarum di Pompei, il corso si dedica a sviluppare la conoscenza dei beni culturali per educare i cittadini italiani a rispettare e tutelare il loro territorio: una educazione alla legalità e alla Bellezza.

Il corso è una ricerca (i convegni di studio e la pubblicazione di testi e atti) ed un’azione (scritture e lavoro di team in classe e in rete per  la preparazione di testi pluricodificati e documentari d’arte).

I team praticano sedute dell’Arte di Ragionare in cui discutere teorie e pratiche del lavoro comune.

Questi incontri di team articolano una sorta di filosofia di ricerca azione: perciò OSCOM organizza per l’anno 2013-2014 alcuni incontri presso l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici per confrontarsi coi metodi più celebri nelle scuole: s’inizia con la Philosophy for Children, metodo internazionale che all’Università Federico II ha il suo centro di riferimento nella prof. M. Striano.